Presentazione

Nata a Muralto nel 1949, l’artista vive e lavora a Brione s/Minusio dove possiede il suo atelier * Cupido dell’Arte* , un piccolo rustico riattato che si affaccia sulla Piazza della Chiesa. *Metamorphose la sua ultima mostra nasce dall’evoluzione del percorso artistico di Emmy Martinoni . Dopo aver seguito vari corsi di formazione e perfezionamento, ha intrapreso una lenta ma progressiva metamorfosi. Emmy Martinoni ha mosso i primi passi con la pittura con lo scomparso pittore Fernando Pozzi, con Ettore Maiotti, un affermato artista Milanese direttore del Gruppo Acquerellisti ticinesi di Giubiasco e con Fausto Corda dell’Associazione verzaschesi di Tenero. In seguito ha imparato a dipingere su porcellana con l’affermata pittrice Luciana Giambonini .Presso la nota ceramista Brigit Hurst ha imparato a lavorare con l’argilla manganese nera e l’argilla bianca e rossa realizzando delle sculture ed altri oggetti vari. La naturale creatività di Emmy Martinoni l’ha incoraggiata a sperimentare nuove esperienze e nuove tecniche, come ridare vita a vecchie sedie o a travi ultracentenarie, trasformandoli in una delicata arte che si risveglia dentro essi. La sensibilità e la passione che racchiude l’animo dell’artista si riconoscono nelle romantiche coppie dipinte sulle travi; i tratti delicati e i tenui colori lasciano trasparire un senso di rispetto e un pudore che conferiscono alle opere eleganza e delicatezza diventando al tempo stesso messaggio d’amore e di complicità.

Intervista alla radio RSI rete3, Frac e Merletti del 4-4-2011